Comune di Caldogno (VI)

Sito web ufficiale del Comune di Caldogno

- Inizio della pagina -
SMS Alert Informazioni sul servizio
Registrati ora
Accedi al tuo profilo
Calcolo IUC 2015
Sedute del consiglio comunale online
Consultazioni elettorali 31 maggio 2015
Estate ragazzi 2017
Comune di Caldogno

Via Dante Alighieri, 97
Tel: 0444-901514
Fax: 0444-905202 
C.FISC.  80007410246
P.I.V.A. 01623290242
caldogno.vi@cert.ip-veneto.net

Pannello Scelta Versione



- Inizio della pagina -
Home » Il Comune » Comunicati stampa » lettura Comunicati stampa
Comunicati stampa
Caldogno spartisce i primi rimborsi dalla Regione
Data: gio 23 dic, 2010

Nel consiglio comunale di ieri sera sono state approvate le linee di indirizzo per l’erogazione dei contributi alle vittime dell’alluvione del 1° novembre scorso.

Caldogno - La promessa è stata mantenuta e gli acconti per il rimborso dei danni da alluvione sono arrivati anche al Comune di Caldogno. Nel corso del consiglio comunale che si è svolto ieri sera, mercoledì 22 dicembre, è stata approvata la delibera che stabilisce i criteri di ripartizione dei primi aiuti ottenuti dalla Regione del Veneto, pari a 8 milioni 152 mila e 320 Euro.
La giunta comunale, infatti, ha stabilito che 2 milioni di Euro andranno a coprire le spese sostenute dall’amministrazione comunale fino al 20 novembre scorso e quelle ritenute urgenti per sistemare le opere pubbliche nell’ambito dei servizi, dei parchi e del verde pubblico, delle infrastrutture e del patrimonio. 5 milioni e 52 mila Euro, invece, saranno ripartiti tra i privati come anticipazione per la sistemazione e la ricostruzione della prima casa e per il recupero dei beni mobili danneggiati. Seguendo questa linea, quindi, sul 75% ammissibile dei danni causati agli immobili, il Comune verserà il 50% fino a 15 mila Euro, che corrisponde al massimo consentito dall’ordinanza di Governo. Per i beni mobili registrati come le automobili, e per quelli non registrati, invece, verrà assegnato rispettivamente il 40% fino a 8 mila Euro e il 35% fino a 13 mila 125 Euro sul 75% ammissibile.

Ripartizione delle anticipazioni per i privati:

Tipologia del danno           Percentuale di ammissibilità su danni denunciati/preventivati      Percentuale di anticipazione su importo ammissibile e massimali

Beni immobili                                        75%                                                                                              50 % - fino a max € 15.000,00

Beni mobili registrati                            75%                                                                                              40 % - fino a max € 8.000,00

Beni mobili non registrati                     75%                                                                                              35% - fino a max € 13.125,00

 

Quel che rimane, vale a dire 1 milione e 100 mila Euro, saranno destinati alle aziende, comprese quelle agricole, come acconto delle spese sostenute per la ripresa delle attività produttive ed economiche: il 50% del danno ammissibile per i beni immobili, mobili registrati e non, e il 50% sull’importo massimo ammissibile (30%) per le scorte di magazzino. Non verranno considerati, invece, i danni ai beni mobili non registrati inferiori ai 3 mila 500 Euro, mentre nel caso in cui la somma di tutti i beni (immobile, mobile registrato e non) superi l’importo di 30 mila Euro sarà necessario il deposito di un‘apposita perizia giurata.

 

Ripartizione delle anticipazioni per le attività produttive e le aziende agricole (danni complessivi entro i 100 mila Euro A+B+C):

Tipologia del danno                 Percentuale di ammissibilità su danni denunciati/preventivati           Percentuale di anticipazione su importo ammissibile e massimali

(A) Beni immobili                                         75%                                                                                                               50%

(B) Beni mobili registrati                             75%                                                                                                               50%

(C) Beni mobili non registrati                     75%                                                                                                                50%

Scorte                                                       30%                                                                                                                50 %

Sulla base della perizia giurata, per le attività produttive e le aziende agricole che hanno subito danni complessivi superiori ai 100 mila Euro, si attribuiranno i seguenti importi: da 400 a 500 mila Euro di danni il contributo sarà di 75 mila Euro, da 250.000 a 399.999 ammonterà a 70 mila Euro; da 200.000 a 249.999 verrà applicato un rimborso di 65 mila Euro, mentre da 100.000 a 199.999 il risarcimento sarà di 40 mila Euro.

«L’indennizzo massimo che possiamo applicare alle spese dichiarate è pari al 75%, ma devono essere tutte documentate con fatture, ricevute e scontrini - commenta il Sindaco di Caldogno, Marcello Vezzaro. - Molti cittadini sono riusciti a risollevarsi dai danni dell’alluvione in modo autonomo o grazie agli aiuti ricevuti da parenti e amici, ma se non potranno giustificare le spese sostenute non permetteranno neanche al Comune di avere gli strumenti per far partire il risarcimento. Distribuendo in questo modo gli acconti ricevuti dalla Regione forse penalizziamo un po’ le persone che hanno chiesto un rimborso dei danni molto elevato, ma allo stesso tempo andiamo maggiormente incontro alla gran parte delle domande ricevute, soprattutto da chi ha perso tutto».

Durante la seduta di ieri sera, inoltre, è stata approvata anche la distribuzione di un ulteriore acconto di 1.500 Euro, prelevati dalla raccolta fondi attivata dall’amministrazione comunale, a favore di ciascuna famiglia rimasta senza casa o che ha subito gravi danni, secondo l’elenco stilato dall’assistente sociale del Comune.

Pro Loco
 Acque Vicentine - bolletta web
Scuola Infanzia Parrocchiale
ulls6
Invaso
Fidas Vicenza
Unione Comuni
c4
Referendum
Calcolo IUC
Fidas - Gruppo Caldogno
Il Quotidiano della P.A.
istituto
Teatro Gioia
Happy Cinzia
- Inizio della pagina -
- Inizio della pagina -
Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0 Sito realizzato con tecnologia php Base dati su MySql
Il portale del Comune di Caldogno (VI) è un progetto realizzato da Idee Italiane Group. con il CMS ISWEB ®
Comune di Caldogno: Tel  : 0444-901514    Fax : 0444-905202  - C.FISC.  80007410246  -  P.I.V.A. 01623290242
Il progetto Comune di Caldogno (VI) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it