Comune di Caldogno (VI)

Sito web ufficiale del Comune di Caldogno

- Inizio della pagina -
SMS Alert Informazioni sul servizio
Registrati ora
Accedi al tuo profilo
Calcolo IUC 2015
Sedute del consiglio comunale online
Consultazioni elettorali 31 maggio 2015
Estate ragazzi 2017
Comune di Caldogno

Via Dante Alighieri, 97
Tel: 0444-901514
Fax: 0444-905202 
C.FISC.  80007410246
P.I.V.A. 01623290242
caldogno.vi@cert.ip-veneto.net

Pannello Scelta Versione



- Inizio della pagina -
Home » Il Comune » Comunicati stampa » lettura Comunicati stampa
Comunicati stampa
Il Comune approva i criteri di distribuzione dei contributi pro-alluvionati
Data: ven 01 apr, 2011

Al centro dell’ultimo Consiglio comunale anche il Piano Intercomunale di Protezione Civile, il nuovo decreto del Governo sulle energie rinnovabili, il regolamento del Consiglio comunale dei Ragazzi ed alcuni prodotti tipici calidonensi.

Caldogno - Decisi i parametri di ripartizione dei fondi pro-alluvionati. Durante l’ultimo consiglio comunale, che si è svolto mercoledì 30 marzo, il Comune di Caldogno ha approvato all’unanimità i criteri da adottare nella distribuzione dei contributi raccolti dall’Amministrazione Comunale, con l’apporto dell’associazione “Caldogno, Avanti!”, a seguito della tragedia del primo novembre scorso. Secondo quanto stabilito, i danneggiati verranno suddivisi in due categorie: “residenziale” e “produttivo-commerciale-agricolo”. Ai residenziali, oltre ai 1500 euro già erogati per le situazioni in cui c’è stata la perdita pressoché totale dei beni mobili, verranno distribuiti altri contributi, in base a specifica richiesta e proporzionalmente al danno subito. La ripartizione avverrà secondo criteri scalari basati sulle fasce di reddito del modello “ISEE”, fino ad un reddito massimo di 20mila euro. Per la categoria “produttivo-commerciale-agricolo”, invece, saranno presi in esame i casi con danni d’importo pari o superiore a 50mila euro. Verranno erogati contributi sempre su specifica richiesta, proporzionali al danno subito e sulla base di punteggi scalari determinati dal numero dei dipendenti, dalla tipologia di fonte di reddito familiare (unica, preponderante o secondaria) e dalle caratteristiche delle attività dell’azienda colpita. Chi avesse percepito somme da Enti, Istituzioni od altri (Regione Veneto esclusa) per importi superiori al 5% del danno non è ammesso ai predetti contributi. «Per garantire equilibrio nella valutazione dei risarcimenti - ha spiegato il sindaco di Caldogno Marcello Vezzaro - abbiamo identificato quattro tecnici esterni, appartenenti ai Comuni di Villaverla, Costabissara, Isola Vicentina e Montecchio Precalcino, che controlleranno tutte le pratiche di rimborso, effettueranno dei sopralluoghi nelle aziende colpite dall’alluvione e nelle abitazioni dei privati che hanno chiesto un risarcimento superiore ai 40mila euro. Per le domande pervenute per danni inferiori ai 40mila euro, invece, si procederà con un sorteggio: ne estrarremo il 5% e su queste sarà effettuato un controllo».

Nel corso della seduta, la giunta ha poi riapprovato il Piano Intercomunale di Protezione Civile del territorio dell’Unione dei Comuni di Caldogno, Costabissara e Isola Vicentina, aggiornato secondo le prescrizioni del Comitato di Protezione Civile Provinciale, così come richiesto dalla procedura amministrativa regionale. Particolare attenzione è stata riservata anche al decreto sulle energie rinnovabili approvato in via definitiva dal Governo lo scorso 3 marzo. Il provvedimento avrebbe dovuto riformare gli incentivi per permettere al nostro Paese di raggiungere il 17% di fonti rinnovabili sul consumo energetico finale al 2020, ma non ha tenuto conto di alcuni aspetti particolarmente significativi in merito all’elevazione della soglia di potenza (prevista a 5 MW), alla realizzazione di impianti in aree agricole marginali o non più utilizzate e all’anticipazione al 31 maggio 2011 della scadenza del secondo conto energia sul fotovoltaico. Pertanto, il Consiglio comunale di Caldogno ritiene necessario interpellare il Governo affinché vengano riviste alcune parti del decreto, recuperando anche le indicazioni giunte dal Parlamento e dalla Conferenza delle Regioni, per non lasciare nell’incertezza tutto il settore del fotovoltaico e per determinare un nuovo sistema di incentivazione che non imponga tetti limitanti allo sviluppo del mercato.

Ieri sera, inoltre, gli amministratori comunali di Caldogno hanno affrontato altre due delibere: l’approvazione del Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi e l’attribuzione della Denominazione Comunale (De.Co.) a due specialità calidonensi: la trota cresolana ed il Bussolà di Caldogno. Per il primo è stato stabilito che gli studenti aderenti al progetto, nato dalla collaborazione tra Comune e Istituto Comprensivo Statale, avranno il compito di deliberare, sia in via propositiva che consuntiva, ed eventualmente anche con autonomo potere decisionale, su temi e problemi che riguardano la vita pubblica della comunità di Caldogno e sulle esigenze del mondo dei giovani. Il Consiglio Comunale dei Ragazzi è composto da un consigliere per ogni classe, tra i quali verrà poi scelto il Sindaco e i suoi assessori.

Ogni mese i consiglieri comunali convocheranno l’assemblea di classe in orario scolastico e, ogni due mesi, si riuniranno in Consiglio per deliberare. Per quanto riguarda, invece, i prodotti tipici di Caldogno, la giunta comunale ha ritenuto importante attribuire loro il marchio che ne certifica la provenienza da un preciso territorio, valorizzandone i metodi tradizionali di lavorazione. Le ricette della trota cresolana e del tradizionale Bussolà seguono uno standard preciso di preparazione, usando solo ingredienti provenienti dalla comunità calidonense.

Invaso
Fidas Vicenza
Scuola Infanzia Parrocchiale
Calcolo IUC
Il Quotidiano della P.A.
Teatro Gioia
Unione Comuni
 Acque Vicentine - bolletta web
Happy Cinzia
Fidas - Gruppo Caldogno
istituto
c4
Pro Loco
ulls6
Referendum
- Inizio della pagina -
- Inizio della pagina -
Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0 Sito realizzato con tecnologia php Base dati su MySql
Il portale del Comune di Caldogno (VI) è un progetto realizzato da Idee Italiane Group. con il CMS ISWEB ®
Comune di Caldogno: Tel  : 0444-901514    Fax : 0444-905202  - C.FISC.  80007410246  -  P.I.V.A. 01623290242
Il progetto Comune di Caldogno (VI) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it