Comune di Caldogno (VI)

Sito web ufficiale del Comune di Caldogno

- Inizio della pagina -
SMS Alert Informazioni sul servizio
Registrati ora
Accedi al tuo profilo
Calcolo IUC 2015
Sedute del consiglio comunale online
Consultazioni elettorali 31 maggio 2015
Estate ragazzi 2017
Comune di Caldogno

Via Dante Alighieri, 97
Tel: 0444-901514
Fax: 0444-905202 
C.FISC.  80007410246
P.I.V.A. 01623290242
caldogno.vi@cert.ip-veneto.net

Pannello Scelta Versione



- Inizio della pagina -
Home » Il Comune » Comunicati stampa » lettura Comunicati stampa
Comunicati stampa
L'Amministrazione di Caldogno si oppone al ricorso di Italia Nostra contro il PAT
Data: gio 26 lug, 2012

Durante la seduta di ieri sera il sindaco ha comunicato di aver già dato incarico di resistere al ricorso presentato da Italia Nostra contro il PAT. Tra gli altri temi discussi, l’approvazione del progetto del bacino d’invaso e le modifiche ad alcuni regolamenti comunali.

Caldogno – L’amministrazione del Comune di Caldogno contesta i rilievi mossi da Italia Nostra contro il PAT. Il tema è stato al centro del dibattito del Consiglio Comunale di Caldogno riunitosi ieri sera, mercoledì 25 luglio. Il ricorso presentato da Italia Nostra sul Piano di Assetto del Territorio (PAT) riguarda in particolare i progetti complessi del Centro Equestre - Borgo Rurale & Green Housing e del Parco Tecnologico. Il Comune di Caldogno ha subito dato incarico all’avvocato Alessandro Lolli, ordinario di diritto amministrativo dell’Università di Bologna, di resistere.

«Prendo amaramente atto di questo atteggiamento negativo e assolutamente mai propositivo di Italia Nostra - commenta Marcello Vezzaro, sindaco del Comune di Caldogno – una condotta che fa emergere il non rispetto verso chi, all’interno dell’amministrazione pubblica, lavora per il bene della comunità. Il PAT è stato portato avanti in co-pianificazione con la Provincia e la Regione, quindi nel più ampio rispetto dei vincoli soprattutto ambientali. Le loro contestazioni sono sulle proposte fatte dai promotori, sulle idee e sulla programmazione dell’amministrazione, prima ancora della fase esecutiva e su degli accordi consolidati e sottoscritti da entrambe le parti. Valuteremo anche il danno economico e le spese che ne potrebbero derivare, riservandoci la possibilità di rivalsa».

Tra gli altri argomenti trattati in Consiglio Comunale, la presa d’atto del lascito testamentario di 20mila metri quadrati di terreno agricolo di Luciana Baghin, cittadina calidonense recentemente scomparsa. Secondo il suo volere, e alla presenza nel corso della seduta di due fratelli della defunta, il Comune di Caldogno si è impegnato a prevedere in questa zona la realizzazione di una o più strutture a servizio di portatori di handicap, fisico o mentale, al fine di ospitarli e di assicurare loro cure continue.

Approvata poi una variazione al bilancio di previsione dell’esercizio finanziario 2012 per un importo totale di 20mila 871 euro, nel rispetto del principio di pareggio e conservando inalterati gli equilibri dello stesso.

Per quanto riguarda i regolamenti, invece, l’amministrazione di Caldogno ha ritenuto opportuno dotarsi di una normativa comunale specifica sulle Spese di Rappresentanza, ossia su tutti quei costi che il Comune deve sostenere in particolari occasioni che possono suscitare e consolidare l’interesse di soggetti esterni e dell’opinione pubblica in genere.

Correlate strettamente alle finalità istituzionali del Comune, le spese di rappresentanza verranno gestite dal funzionario responsabile della Struttura Servizi Socio-Cuturali e saranno soggette ad approvazione da parte della Giunta Comunale.

Sul regolamento della Polizia Locale dell’Unione dei Comuni di Caldogno, Costabissara e Isola Vicentina, il Consiglio Comunale ha analizzato e approvato alcune modifiche richieste dalle associazioni venatorie locali sul mantenimento, la protezione e la tutela degli animali, con particolare riferimento a uccelli, cani e specie selvatiche. Tra queste, l’aumento della superficie disponibile delle recinzioni per i quattro zampe, il divieto d’uso di collari con aculei interni o di dispositivi a scarica elettrica e l’obbligo per i proprietari che portano a passeggio i loro animali in zone pubbliche di avere con sé l’attrezzatura idonea per la raccolta delle deiezioni.

Il Gruppo Caldogno Terra Nostra ha fatto notare che non ha avuto spazio sul notiziario comunale. Il Sindaco ha risposto che non è stato dato a nessun gruppo politico, nemmeno alla maggioranza, perché nel giornalino si dava notizia solo sull’andamento dei lavori dell’amministrazione. Lo spazio viene sempre dato in occasione del notiziario di fine anno.
«Durante i consigli comunali il gruppo Caldogno Terra Nostra non partecipa ai lavori e, soprattutto in merito ai processi complessi del PAT, non ha mai indicato nuove proposte o miglioramenti da applicare alle idee dei privati. Il ruolo di un consigliere comunale dovrebbe essere invece quello di avviare, attraverso gli strumenti concessi dall’amministrazione in particolare le commissioni consiliari, attività di interesse per il paese che puntino allo sviluppo e all’arricchimento del territorio e migliorino la qualità della vita dei nostri cittadini» spiega il primo cittadino Vezzaro.

Approvata poi una variazione al bilancio di previsione dell’esercizio finanziario 2012 per un importo totale di 20mila 871 euro, nel rispetto del principio di pareggio e conservando inalterati gli equilibri dello stesso.

Su Cresole, invece, durante la seduta è stata approvata una richiesta relativa alla divisione di ambito di un piano di lottizzazione, imponendo vincoli importanti sulla diminuzione delle cubature sviluppabili, la viabilità e le attenzioni ambientali e di sicurezza idrogeologica.

Il Consiglio Comunale è terminato con alcune comunicazioni del Sindaco tra cui l’approvazione del progetto definitivo del bacino d’invaso. Ora si dovrà attendere l’ordinanza del commissario che disporrà l’assegnazione dei fondi per la realizzazione. A breve si svolgerà la gara d’appalto per l’affidamento dei lavori. Su questo tema il primo cittadino ha sottolineato poi che si sono conclusi gli accordi con i signori Canale per lo spostamento delle loro abitazioni in zona Tomasina a Caldogno di proprietà di Domenico Canale, vicine al futuro bacino d’invaso. «Li ringrazio per la loro disponibilità – sottolinea il Sindaco Vezzaro – ora l’accordo sarà inviato alla Regione Veneto che potrà così predisporre la gara d’appalto per l’ampliamento del bacino anche nella zona interessata».

Fidas - Gruppo Caldogno
c4
Calcolo IUC
Happy Cinzia
Fidas Vicenza
Unione Comuni
Teatro Gioia
Referendum
ulls6
Il Quotidiano della P.A.
 Acque Vicentine - bolletta web
istituto
Scuola Infanzia Parrocchiale
Invaso
Pro Loco
- Inizio della pagina -
- Inizio della pagina -
Sito conforme W3C Css 2.0 Sito conforme W3C XHTML 1.0 Sito realizzato con tecnologia php Base dati su MySql
Il portale del Comune di Caldogno (VI) è un progetto realizzato da Idee Italiane Group. con il CMS ISWEB ®
Comune di Caldogno: Tel  : 0444-901514    Fax : 0444-905202  - C.FISC.  80007410246  -  P.I.V.A. 01623290242
Il progetto Comune di Caldogno (VI) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it